I rifugi del Cai Cortina

Il vecchio rifugio Nuvolau

Rifugio Nuvolau

Sorge a 2575 m sulla vetta rocciosa del Monte omonimo, in un punto molto panoramico e rinomato fin dagli albori dell’alpinismo dolomitico.

Primo rifugio della conca d’Ampezzo: costruito grazie al munifico lascito del barone Richard von Meerheimb di Dresda, guarito nella valle da una grave malattia, fu inaugurato l’11 agosto 1883 con il nome di Sachsendankhütte. Distrutto durante la Prima Guerra Mondiale, fu riaperto dalla Sezione di Cortina nel 1930.

Rifugio Croda da Lago

Sorge a 2042 m sulle rive del Lago de Federa, tra la Croda da Lago e il Becco di Mezzodì, in una zona di boschi e pascoli molto spettacolare.

Il rifugio fu costruito dalla guida alpina Giovanni Barbaria, ed inaugurato nel 1901. Nel 1905 il proprietario lo vendette alla Sezione di Reichenberg del Club Alpino Austro-Tedesco, che lo gestì fino al primo dopoguerra. Dal 1920 è tornato alla Sezione del Cai Cortina.

Il rifugio Croda da Lago

Rifugio Giussani

Rifugio Camillo Giussani

Sorge a 2580 m a Forcella Fontananégra, tra la Tofana di Rozes e la Tofana di Mezzo, in una zona costellata di massi con evidenti tracce di postazioni belliche.

Il primo rifugio della zona, secondo nella conca d’Ampezzo, fu inaugurato il 16. agosto 1886 con il nome di Rifugio Tofana, e distrutto durante la Prima Guerra Mondiale. Nel 1920, riadattando una grande caserma degli Alpini, la Sezione di Cortina del Cai inaugurò il Rifugio dedicato al Generale Antonio Cantore.

X